Comitato

Il turismo svizzero contro l’Iniziativa della denuncia

La libera circolazione delle persone e il Trattato di Schengen sono di centrale importanza per il turismo svizzero. Il Trattato ci garantisce non solo la libertà di movimento in Europa ma anche l’adesione a una politica comune in materia di rilascio dei visti. In questo modo, il turismo è in grado di accedere a mercati lontani importanti e di garantire migliaia di posti di lavoro in Svizzera. Il 27 settembre si decide cosa ne sarà di questo Trattato. Per non rischiare la libera circolazione e l’adesione a Schengen il ramo turistico respinge con decisione l’Iniziativa della denuncia.

Si attivi subito!
I rappresentanti del ramo dicono NO alla deleteria Iniziativa della denuncia.
Nicole-Brändle

«Per il turismo svizzero è essenziale mantenere dei rapporti stabili con l’UE proprio in questo momento. Quindi: NO all’Iniziativa della denuncia!»

Nicole Brändle Schlegel
Responsabile Lavoro, Formazione, Politica HotellerieSuisse
Hans-Wicki2

«L’Iniziativa della denuncia indebolisce il turismo e mette a rischio posti di lavoro e il benessere della Svizzera.»

Hans Wicki
Membro del Consiglio degli Stati / Presidente Funivie Svizzere
Barbara-Gisi

«A maggior ragione in tempi di instabilità occorre continuità. Ci atteniamo chiaramente agli Accordi bilaterali I.»

Barbara Gisi
Direttrice Federazione svizzera del turismo
Casimir-Platzer

«Senza gli Accordi bilaterali I le condizioni quadro peggiorerebbero drasticamente per il settore alberghiero e della ristorazione.»

Casimir Platzer
Presidente GastroSuisse e albergatore Hotel Victoria, Kandersteg
Nicolo-Paganini

«PER la Svizzera come destinazione turistica e il mantenimento degli Accordi bilaterali I dico NO all’Iniziativa della denuncia.»

Nicolo Paganini
Presidente della FST
Annalisa-Giger

«L’apertura e l’interconnessione della Svizzera sono centrali per il successo del nostro turismo – dobbiamo curarle gelosamente

Annalisa Giger-Sialm
Membro del consiglio GastroSuisse e albergatrice Hotel Alpsu, Disentis
Claude-Meier

«La libera circolazione delle persone è più importante che mai affinché la Svizzera rimanga una destinazione turistica di successo a livello internazionale.»

Claude Meier
Direttore HotellerieSuisse
Sepp-Odermatt

«Gli accordi bilaterali con l’UE contribuiscono a far sì che il turismo svizzero si possa riprendere rapidamente. Quindi: NO all’Iniziativa della denuncia.»

Sepp Odermatt
Direttore a.i. Funivie Svizzere
Daniel-Borner

«Buone condizioni quadro economiche sono irrinunciabili per il turismo e il settore ricettivo. Soprattutto ai tempi del coronavirus.»

Daniel Borner
Direttore GastroSuisse

Comitato